Più dell’immigrazione, è la fuga dei giovani a preoccupare

Secondo un sondaggio dell’European Council on Foreign Relations (ECFR), la maggioranza degli elettori di Italia, Polonia, Romania e Spagna sono più preoccupati dei flussi di emigrazione che di quelli di immigrazione.

Mentre l’immigrazione è importante per alcuni elettori, non è l’unico campo di battaglia per i voti prima delle elezioni del Parlamento europeo. L’emigrazione e le questioni interne, come la corruzione, il costo della vita, la salute, l’alloggio e la disoccupazione, sono temi altrettanto importanti o addirittura più importanti dell’immigrazione per gli elettori di molti Stati membri e gli elettori sostengono generalmente gli sforzi di reinsediamento dei rifugiati.

I risultati del sondaggio sfidano il punto di vista dei leader anti-europei come Viktor Orban e Matteo Salvini, così come gli europeisti come Emmanuel Macron, che ritengono che le prossime elezioni saranno combattute su un unico problema: l’immigrazione.

Il tema è stato ripreso sul Corriere della sera del 27 aprile 2019 da Federico Fubini (“La fuga dei giovani è la nuova paura in Europa”)

,