ELEZIONE IN BAVIERA: PER CHI HANNO VOTATO GLI OPERAI?

Questi i risultati delle elezioni bavaresi di domenica 14 ottobre 2018 confrontati con i risultati precedenti:

 

 

Partiti 14/10/18 Elezione 2013
CSU 37,2 47,7
Verdi 17,5 8,6
Freien Wahler (FW)
-liberi elettori-
11,6 9
AfD 10,2 0 (il 12,4% alle  elezioni federali 2017)
SPD 9,7 20,6
FDP 5,1 3,3
Linke 3,2 2,1

 

 

L’affluenza al voto è stata la più alta degli ultimi trent’anni: 72%, un più 8 per cento rispetto a 5 anni fa.

 

La CSU ha perso la maggioranza assoluta nel parlamento bavarese e consegue il suo peggior risultato dal 1950.

 

Quali sono stati i flussi elettorali? Centinaia di migliaia di voti sono scappati dalla CSU in entrambe le direzioni: crca 180mila elettori CSU hanno votato per i Verdi ed altrettanti per AfD. Altri 170mila si sono espressi per i FW e 40mila sono emigrati verso i liberali dell’FDP. A favore dei Verdi sono arrivati circa 210mila voti dal SPD e 120mila da elettori che si erano astenuti nelle precedenti elezioni. Mentre i “liberi elettori” (FW) hanno preso voti da ex-elettori del SPD (70mila) e del FDP (10mila). Circa 50mila elettori SPD hanno dato il loro voto alla Linke.

 

La divisione degli elettori per fasce di età vedono CSU e SPD più presenti tra gli over 60, Afd nelle fasce intermedie (35-59 anni), i verdi tra i più giovani e le età di mezzo. Nell’elettorato di AfD prevalgono gli uomini. Mentre Verdi e SPD sono più popolari tra le donne. Negli altri partiti non ci sono differenze sostanziali tra i generi.

 

Tra gli operai l’AFD ottiene il triplo dei voti del SPD. Anche se il partito più presente rimane comunque la CSU. I Verdi ottengono i migliori risultati tra i pubblici dipendenti ed i lavoratori autonomi. I liberali tra professionisti ed autonomi.

 

VOCI:

Arbeiter (operai); Angestellte (lavoratori dipendenti); Beamte (pubblici dipendenti); Selbstandige (lavoratori indipendenti); Rentner (pensionati).

 

Grafico da Der Spiegel online

Bitnami